../ homepage / ESCURSIONI / Scheda introduttiva  
CAMPANIA 1
.:: SCHEDA INTRODUTTIVA ::.
 
     
 
SCHEDA INTRODUTTIVA


Edu-Geo - ESCURSIONE CAMPI FLEGREI

I Campi Flegrei: esempio di interazione tra processi vulcanici e attività dell'uomo

12.000- ATTUALE
Campi flegrei, Napoli, Campania

Esposito Carmela e Nicoletta Santangelo

Università “Federico II” di Napoli
Dipartimento di Scienze della Terra


2010

 
 
     
 
Destinatari

Ultime classi della Scuola Superiore

 
 
     
 
Argomento

Evoluzione di un ambiente vulcanico, bradismo, morfologie vulcaniche

 
   
     
 
Collocazione geografica

Campi Flegrei, Regione Campania, Provincia di Napoli, comune di Pozzuoli.

 
   
     
 
Breve presentazione

L’area che abbraccia i cosi detti Campi Flegrei costituisce un territorio della periferia napoletana molto urbanizzato, in cui attualmente vige il vincolo ambientale di Parco Regionale (legge regionale n°33 del settembre 1993). Si tratta di un campo vulcanico (Fig. 1) oggetto da decenni di numerosi studi di carattere scientifico, in cui vulcanologi, geofisici e geomorfologi cercano di comprendere la complessa attività vulcanica che interessa quest’area da almeno 40.000 anni.

Fig. 1 - Modello tridimensionale dei Campi Flegrei: si possono notare numerose morfologie a contorno circolare tipiche di paesaggi vulcanici

Il tempo e la natura hanno qui lavorato con molto impegno e hanno generato un paesaggio che da sempre ha incantato e ispirato artisti e poeti per le bellezze paesaggistiche, da sempre ha affascinato intere popolazioni che ancora oggi si ostinano a viverci nonostante l’attività vulcanica. Come una spugna, la natura ha assorbito le culture che si sono avvicendate in quest’area, creando uno straordinario e complesso paesaggio in cui le evidenze geologiche raccontano la storia del territorio e le testimonianze archeologiche la storia dell’uomo. Il percorso proposto si sviluppa in un’area densamente abitata in cui ci si trova spesso ad attraversare strade cittadine spesso trafficate; alcuni dei siti che meritano una visita sono caratterizzati da morfologie “a conca chiusa” (nel caso per esempio di edifici vulcanici) e costituiscono, proprio per la loro origine, delle realtà con ritmi a se stanti che conservano un interesse naturalistico inimmaginabile e che permettono di dimenticare il caos esterno.
 
 




3d
     
 
Durata

L'escursione può essere svolta nell'arco di una giornata (circa 8 ore, inclusa la pausa pranzo).

 
   
     
 
Periodi Consigliati

Autunno, primavera, inverno.

 
 
     
 
Partecipanti e mezzi di trasporto

Il percorso proposto può essere effettuato a piedi con l’ausilio di mezzi pubblici (Stazione “Gerolomini”, Ferrovia Cumana che collega la città di Napoli alla zona flegrea) o anche in bicicletta. Nel caso in cui il mezzo di trasporto scelto siano pullman o pulmini, si consiglia un numero di partecipanti minimo di 13 studenti + 1 insegnante (con pulmini piccoli) e massimo di 33 studenti + 2 insegnanti (con pullman più grandi)..

 
 
     
 
Spostamenti (mezzi, distanze, dislivelli)

Il percorso proposto si sviluppa lungo un’area che non supera i 4,5 km di lunghezza. Sono previsti brevi e frequenti spostamenti con il mezzo di trasporto scelto con soste e brevi passeggiate in strade asfaltate e sterrate, che in alcuni casi, possono presentare dislivelli di facile percorrenza.

 
 
     
 
Informazioni per i portatori di handicap motori

Le numerose barriere architettoniche non consentono la visita ai portatori di handicap motori.

 
   
     
 
Abbigliamento

- Scarpe da ginnastica
- Vestiti di stagione
- Ombrello pieghevole e/o cerata

 
 
     
 
Pre requisiti

- vulcansimo
- caldera
- bradisismo
- vulcani monogenici
- coni e anelli di tufo, ceneri e scorie

 
 
     
     
CAMPANIA 1
.:: SCHEDA INTRODUTTIVA ::.